Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Genova / Progetto LIFE WEEENMODELS - Waste Electric and Electronic Equipment - New MODEL for Logistic Solutions

Progetto LIFE WEEENMODELS - Waste Electric and Electronic Equipment - New MODEL for Logistic Solutions

 

Il progetto WEEENMODELS, sulla base della Direttiva 2002/96/EC, si pone l’obiettivo di raggiungere un efficiente sistema logistico e di gestione dei servizi di raccolta dei RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche).

I RAEE sono composti da elettrodomestici, apparecchiature informatiche, di consumo e di illuminazione, strumenti elettrici ed elettronici, giocattoli e apparecchiature per il tempo libero, dispositivi medici, strumenti di monitoraggio e controllo, distributori automatici.

L’obiettivo principale di WEEENMODELS è quello di dimostrare che attraverso l’applicazione di un efficiente sistema logistico ed un coordinamento centralizzato dei servizi di raccolta è possibile ottenere e anche superare i target di raccolta definiti dalla Direttiva.

Grazie all’implementazione del Progetto sarà possibile:

- realizzare effetti benefici sull’ambiente, riducendo il rischio di smaltimento abusivo di sostanze altamente tossiche;

- creare maggiori sinergie nella gestione del ciclo dei rifiuti tra soggetti privati ed enti pubblici, oltre che con l’utente finale;

- intervenire sul livello di conoscenza del settore creando figure di “esperti” presso i principali distributori in grado di valutare l’eventuale ciclo di vita residuo dei materiali consegnati;

- porre le basi per la creazione di un impatto socio economico positivo grazie allo sviluppo di nuovi mercati legati al riutilizzo di oggetti e materiali ancora utili.

Azioni:

Le azioni sono finalizzate ad un nuovo modello di “reverse logistic” con l’obiettivo di ottimizzare un segmento del processo, quello del prelievo e trasporto dei RAEE verso i centri di raccolta

- diretto coinvolgimento degli stakeholder;

- realizzazione di una piattaforma software di informazione e comunicazione;

- realizzazione di un’innovativa rete logistica per la raccolta dei piccoli RAEE;

- realizzazione di un nuovo centro di raccolta cittadino;

- creazione di una procedura per l’identificazione di parti di AEE in disuso che possono rientrare nel ciclo produttivo;

- iniziative di comunicazione

 

Risultati attesi:

Il Progetto WEENMODELS mira alla definizione ed avvio di un nuovo modello di “Reverse Logistic” dei RAEE in grado di raggiungere nell’area di sperimentazione i seguenti risultati:

1) NETWORKING: per accrescere il ruolo strategico dei distributori e dei trasportatori attraverso il coinvolgimento di almeno il 50% degli attori coinvolti;

2) INCREMENTO DEI TASSI DI RACCOLTA DI RAEE: per superare i target di raccolta stabiliti dalla nuova Direttiva;

3) MIGLIORAMENTO DELLA RACCOLTA DEI PICCOLI RAEE: per triplicare, al 2016, l’attuale tasso di raccolta per abitante dei piccoli RAEE;

4) RIDUZIONE DELL’INQUINAMENTO: minimizzare lo smaltimento dei RAEE nei rifiuti urbani per evitare la contaminazione con sostanze tossiche dei rifiuti non pericolosi e il rilascio nell’ambiente di inquinanti; al momento non esistono dati in merito, per cui sarà definita e applicata una nuova metodologia di misura.

5) INCREMENTO DEI CONTROLLI: la possibilità di tracciare la posizione dei RAEE nel processo di smaltimento (utente, distributore, piattaforma di raccolta, centro di trattamento) consente di evitare che i RAEE vengano immessi nel mercato illegale: 100% dei RAEE raccolti attraverso il nuovo sistema logistico.

6) INCREMENTO DELL’EFFICIENZA DEL SISTEMA: il miglioramento dell’efficienza della Reverse Logistic dei RAEE, attraverso l’ottimizzazione dei servizi di raccolta e trasporto, la riduzione dei costi operativi e delle esternalità ambientali: 10% di riduzione rispetto ad oggi;

7) RIDUZIONE DEL RIFIUTO: selezionare e indirizzare verso il cosiddetto ricondizionamento una quota significativa di AEE che oggi vengono smaltiti come rifiuto: 3% del totale dei WEE gestiti con il nuovo sistema.

8) SVILUPPO DELL’ECOBUSINESS: creare nuove opportunità di lavoro per attività economiche legate al ricondizionamento e al riutilizzo delle AEE;

Il progetto consentirà la definizione e il test di nuove metodologie per la misurazione della raccolta dei RAEE e la valutazione del loro ciclo di vita.

Amiu Genova SpA, Italy Agenzia di Sviluppo Gal Genovese, Italy T Bridge S.p.A., Italy Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Italy isw Institut für Strukturpolitik und Wirtschaftsförderung gemeinnützige Gesellschaft mbH, Germany
Area urbana
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Comune
02/09/13
40
2.352.505
UE
LIFE

Cofinanziamento programma LIFE+: 1.038.029 euro.

Alessandra Risso
eu@amiu.genova.it
http://www.weeenmodels.eu/
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.