Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Ferrara / Progetto per la messa in sicurezza dei percorsi ciclopedonali casa-scuola

Progetto per la messa in sicurezza dei percorsi ciclopedonali casa-scuola

L'area dell'intervento si trova nella zona nord-ovest di Ferrara, il quartiere Arianuova, ricostruito negli anni '50, compreso tra il centro cittadino, la zona rinascimentale della città e le Mura monumentali di Ferrara. Il quartiere vede la presenza di molte unità abitative e di un polo scolastico costituito da alcune scuole superiori, una scuola secondaria di I°, una scuola primaria, due scuole d'infanzia ed un nido. Caratteristica peculiare è la presenza di due strade di intenso traffico che lo attraversano e che nel caso del Liceo Classico dividono la sede dalla sua succursale. Inoltre è presente un forte traffico nell'ora di ingresso e uscita scolastica derivante sia di mezzi privati che accompagnano bimbi e ragazzi a scuola, sia di mezzi pubblici provenienti dal forese, vista la presenza nelle scuole superiori di ragazzi provenienti da tutta la provincia di Ferrara. Le caratteristiche di mobilità della zona, la forte presenza di bambini e ragazzi e la necessità di mettere in sicurezza alcuni attraversamenti particolarmente pericolosi, hanno portato alla realizzazione di un primo progetto - 2005 - che ha coinvolto alcune scuole del polo scolastico. La progettualità mirava sia alla segnalazione da parte dei ragazzi della loro percezione sulla mobilità sicura ciclopedonale, sia alla realizzazione di focus group per la rilevazione della mobilità sostenibile da parte dei ragazzi. Con questo nuovo percorso partecipato si intende quindi completare ed arricchire il progetto esecutivo già approvato, integrando e aggiornando anche le conclusioni già elaborate a suo tempo. Gli istituti coinvolti sono stati individuati tra quelli che avevano partecipato all'esperienza del 2005: il Liceo L. Ariosto - Scuola media secondaria di II grado - si è reso disponibile a collaborare con 5 classi dalla I alla V per un totale di 115 studenti, mentre la scuola media secondaria di primo grado M. Boiardo parteciperà con una classe I e una classe II per un totale di 50 studenti. Il percorso partecipativo prevede la realizzazione di questionari per coinvolgere nuovamente i ragazzi delle scuole per un'ulteriore verifica della percezione sulla pericolosità di alcuni attraversamenti ciclopedonali e per contestualmente incentivare ragionamenti e comportamenti virtuosi sulla mobilità sostenibile. Seguirà quindi un percorso di progettazione partecipata e di interrelazione con i tecnici del Comune, per definire possibili aggiornamenti, implementazioni e nuove azioni. Il percorso oltre ad avere valenza progettuale e pratica, sarà utile per aiutare i ragazzi ad approfondire le tematiche in oggetto oltre a sviluppare cittadinanza attiva e responsabilità. L'ultima fase del progetto vede la realizzazione dei lavori per la messa in sicurezza dei due attraversamenti pedonali trattati durante il percorso.
Materiali scaricabili dal sito internet
None
Area urbana
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Comune
Mobilità, Strategie partecipate e integrate
01/01/07
12
€ 0
Regione Emilia Romagna
Fondi propri
Co-finanziamento Regione Emilia Romagna
Paola Tommasini
http://servizi.comune.fe.it/index.phtml?id=4428
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.