Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Ferrara / LOWaste – Local waste market for second life products (sviluppo di un mercato locale di prodotti riciclati)

LOWaste – Local waste market for second life products (sviluppo di un mercato locale di prodotti riciclati)

Il progetto LIFE+ LOWaste ha sperimentato a Ferrara un modello di economia circolare basata sulla prevenzione, il riuso e il riciclo dei rifiuti in una logica di partnership pubblico-privato. Partendo da alcune sperimentazioni pilota sta creando le basi per la nascita di un vero e proprio distretto locale di economia verde circolare.

Distretto formato da operatori dei rifiuti, piccole piattaforme di recupero, artigiani e PMI impegnati nella valorizzazione delle materie e nella produzione di riprodotti.

Attorno ai progetti pilota si è attivata la community “LOWaste for action”, un gruppo di oltre 200 designer, makers, cooperative sociali, ONG e operatori profit che ha preso parte attivamente alla sperimentazione e che in futuro potrà dare vita ad un vero e proprio distretto.

Nell’ambito del progetto sono state indagate alcune filiere da sviluppare nel territorio di Ferrara:

- inerti da demolizione- tessile sanitario
- arredi urbani e attrezzature ludiche.

Per ognuna delle filiere indagate sono stati individuati i produttori dei rifiuti e i recuperatori, sono state richieste le necessarie autorizzazioni e sono state ipotizzate le possibili produzioni di riprodotti.

Il Comune di Ferrara ha avviato alcune sperimentazioni che prevedono per la realizzazione di sottofondi stradali con inerti riciclati, attraverso l’inserimento di criteri ambientali nei capitolati dei bandi pubblici. Se il risultato delle sperimentazioni si rivelerà positivo il Comune inserirà in maniera permanente l’obbligo di utilizzo di materiale riciclato. Un gruppo di designer coinvolto nel bando di Lowaste 4 action inoltre sta ipotizzando la realizzazione di pannelli da realizzare con gli inerti riciclati e utilizzare in ambito edile per rivestimenti di edifici, pavimentazioni ecc., smontabili, riutilizzabili e completamente riciclabili.

Per quanto riguarda il tessile sanitario sono stati avviati dei contatti con un’azienda leader nella valorizzazione dei tessili riciclati. Alcuni artigiani e designer coinvolti nel bando Lowaste 4 action inoltre hanno realizzato diversi prototipi di riprodotti: dagli elementi di arredo (sedie, cuscini ecc.), agli indumenti tecnici per la montagna, alla moda mare, alle calzature.

Fonte: LIFE projects database e sito web del progetto

Cooperativa sociale La Città Verde – ONLUS Impronta Etica - multiutility Gruppo Hera – RREUSE: Reuse and Recycling European Union Social Enterprises (Belgio)
Area urbana
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Comune
Rifiuti
01/09/11
34
1.109.000
UE
LIFE

Cofinanziamento programma LIFE+: 554.500 euro

l.sitti@comune.fe.it
www.lowaste.it
LOWaste_bando.pdf — 451 KB
LOWaste_LAYMAN REPORT.pdf — 737 KB
No file
No file
Navigazione
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.