Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Ferrara / L'adattamento ai cambiamenti climatici - Conoscenza e sensibilità della comunità locale

L'adattamento ai cambiamenti climatici - Conoscenza e sensibilità della comunità locale

L'ufficio Agenda 21 del Comune in collaborazione con l'Università di Umeå - Svezia - ha realizzato e somministrato un questionario per apprendere se, fra gli abitanti del Comune di Ferrara, ci siano sensibilità e conoscenza rispetto ai temi del cambiamento climatico e dell'adattamento.   L'iniziativa prende origine dal progetto EUR-ADAPT Organising Adaptation to Climate Change in Europe - 2008-2012 -, per il quale il Comune di Ferrara è stato selezionato come uno dei casi-studio a livello europeo.   Il progetto, che si pone come obiettivo principale quello di analizzare la capacità di adattamento della società civile ai cambiamenti climatici, è stato avviato in sette diversi stati europei: Regno Unito, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia, Finlandia, Italia e Russia. Le considerazioni sul cambiamento climatico si sono tradizionalmente concentrate su azioni di prevenzione del cambiamento e mitigazione degli effetti, ma recentemente hanno iniziato ad accendersi dibattiti sulla necessità di adattarsi alle mutate condizioni. Per approfondire il tema delle azioni e delle sfide affrontate nella realizzazione delle politiche di adattamento ai cambiamenti climatici, l'Università di Umeå - Svezia - ha realizzato a fine 2008 alcune interviste sul territorio italiano, raccogliendo le indicazioni di alcuni "osservatori privilegiati".   A Ferrara ha raccolto le testimonianze dell'assessore all'Ambiente e Agenda21, del dirigente del Servizio Ambiente e dello staff di Agenda21 e Centro Idea del Comune. L'Ufficio Agenda 21 ha quindi avviato la somministrazione ai cittadini di Ferrara di un questionario per valutare la sensibilità e la conoscenza rispetto ai temi del cambiamento climatico e dell'adattamento.   Il progetto ha i seguenti obiettivi:   - determinare il grado di conoscenza dei cambiamenti climatici da parte della popolazione ferrarese;  - conoscere il grado di interesse per i processi di adattamento;   - determinare il grado di importanza del cambiamento climatico nella vita degli intervistati;   - definire le azioni da realizzare.Uno dei risultati attesi dall'iniziativa è l'individuazione delle azioni di adattamento direttamente realizzabili dagli stakeholder - singoli cittadini, scuole, enti pubblici e privati, associazioni d'impresa, culturali, comunità scientifica e accademica, ... -.

Fonte: Gli Impegni delle Città e dei Territori d'Italia per il Clima 2010 - Coordinamento Agende 21 locali italiane
Università di Umeå - Svezia
Area urbana
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Comune
Territorio e Paesaggio, Strategie partecipate e integrate
10/01/08
48
UE
Laura Bonati
www.comune.fe.it/agenda21
918_264.pdf — 3293 KB
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.