Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Carpi / C.I.V.E.S. - Comunità Integrate VErso la Sostenibilità

C.I.V.E.S. - Comunità Integrate VErso la Sostenibilità

Il progetto C.I.V.E.S. prevede l'attivazione e realizzazione, secondo fasi adeguatamente strutturate e condivise, di un percorso completo di costruzione di un percorso completo di costruzione di Agenda 21 Locale, ponendosi come obiettivo finale la redazione di un Piano d'Azione Operativo di distretto - area vasta -. Le fasi operative previste sono le seguenti: A - Preparazione e impostazione del processo di Agenda 21 Locale di distretto: ·Insediamento Gruppo di progetto, costituzione segreteria tecnica e impostazione delle procedure/metodi di lavoro - sett. - ott. 2001 -; ·Coinvolgimento preliminare degli organi di rappresentanza politica e dell'apparato tecnico - amministrativo degli enti locali coinvolti nel progetto - ott. 2001 -; ·Informazione ai cittadini e coinvolgimento preliminare di organismi e/o gruppi d'interesse - stakeholders - rilevanti nell'ambito di interesse - nov. 2001 - gen. 2002 -; ·Formazione interna. B - Analisi/rappresentazione situazione locale e sua evoluzione - quadro diagnostico -: ·Predisposizione RSA di distretto - dic. 2001 - giu. 2002 -; ·Analisi delle politiche/interventi/azioni. Ricognizione A21L inconscia - dic. 2001 - giu. 2002 -. C - Costruzione del Piano d'Azione Operativo A21 di distretto: ·Insediamento formale del Forum Civico di distretto - giu. - lug. 2002 -; ·Revisione Piano d'Azione d'Indirizzo, definizione degli obiettivi e contenuti del Piano d'Azione Operativo A21 di distretto e sua approvazione - lug. 2002 - feb. 2003 -. Nel progetto di dettaglio vengono descritte, per ogni singolo intervento, le azioni previste, gli obiettivi che si intendono raggiungere, gli indicatori di risultato, le azioni di riallineamento - feedback -, le risorse umane necessarie e i tempi di esecuzione. Il progetto contiene, inoltre, una descrizione sintetica delle strategie di comunicazione che si intendono adottare.
Cofinanziamento del Ministero dell'Ambiente Bando A21L - 2000 - Per ogni intervento previsto sono stati individuati specifici indicatori di risultato, per la verifica del raggiungimento degli obiettivi dichiarati.
ARPA, USL, Comuni
Area urbana
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Comune
Strategie partecipate e integrate
09/01/02
18
€ 114.688
Ministero dell'Ambiente
Cofinanziamento del Ministero del Lavoro del 70% pari a 80.050,82 euro
Paola Fregni
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.