Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Argenta / Realizzazione di prati e di zone umide permanenti e coltivazioni per fauna selvatica

Realizzazione di prati e di zone umide permanenti e coltivazioni per fauna selvatica

Le aree interessate al progetto sono in provincia di Ferrara nei seguenti comuni: Comacchio, Lagosanto, Codigoro, Portomaggiore. Gli interventi sono stati effettuati su terreni ritirati dalla produzione,ubicati in aree di tutela idrologeologica e/o naturalistica allo scopo di creare biotopi con caratteristiche favorevoli alla fauna selvatica. Il programma ha previsto la riconversione dei terreni con scarsa produttività attraverso il ripristino parziale di zone umide prosciugate tra gli anni '60 e '70. Le zone umide permanenti hanno come caratteristica la presenza continua di acqua seppure a livelli che variano da pochi centimetri fino a 1,5m. Questa variabilità di livelli è molto importante in quanto ogni zona così individuata potrà essere occupata da fauna differenziata. I prati umidi sono caratterizzati da uno strato d'acqua variabile da pochi millimetri a pochi centimetri presente per almeno sei mesi l'anno. Le superfici destinate a coltivazioni per la fauna selvatica sono invece aree dove l'assenza di pratiche colturali a partire dalla semina costituisce una condizione ottimale per le specie che si riproducono al suolo, che in questo modo hanno a disposizione sia il rifugio offerto dalla copertura vegetale sia il cibo.
I prati umidi e le zone umide permanenti,oltre a rendere possibile il riposo e l'arricchimento dei terreni, svolgono alcune funzioni tipiche delle zone umide quali la ricarica della falda, la depurazione delle acque e la regolazione del microclisma.
Area rurale
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Comune
Agricoltura
01/01/94
€ 45.000
0
Il Programma Regionale Agroambientale prevede un premio annuo di 600 ECU per realizzazione e gestione di prati umidi e zone umide permanenti e di 100 ECU per le coltivazioni per la fauna selvatica.
Roberto Tinarelli
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.