Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Ancona / ACT - Adapting to Climate change in Time

ACT - Adapting to Climate change in Time

A livello internazionale, il problema del cambiamento del clima e dei relativi impatti, è affrontato per mezzo di due strategie di azione: la mitigazione e l'adattamento. Se i cambiamenti climatici rappresentano un rischio, è necessario prevenirli agendo sulle cause, cioè riducendo le emissioni di gas serra provenienti dalle attività umane e arrestarne o quanto meno rallentarne l'accumulo in atmosfera - mitigazione -; ma è anche indispensabile agire sugli effetti, limitando la vulnerabilità territoriale e socio-economica ai cambiamenti del clima - adattamento -.

Le due strategie non sono alternative ma complementari: quanto maggiore è l'impegno per la mitigazione dei cambiamenti del clima, tanto minori sono le esigenze di adattamento e viceversa. A livello locale, la gestione degli impatti legati ai cambiamenti climatici, impone sempre più la definizione di una politica urbana per il clima che sia integrata dentro tutte le politiche dell'ente: dall'ambiente ai settori economici, dall'urbanistica al sociale. In generale, affrontare oggi gli effetti derivanti dal cambiamenti climatici in ambito locale e urbano, significa prima di tutto sviluppare degli strumenti innovativi che consentano agli amministratori di gestire in modo nuovo i processi di governance del territorio. Il progetto intende dimostrare che attraverso un processo condiviso con gli attori locali è possibile elaborare un "piano di adattamento locale" in grado di prevedere e limitare l'impatto ambientale, sociale ed economico del cambiamento climatico in tre città europee.

In particolare il progetto ha l'obiettivo di:

- definire un modello - efficace e facilmente applicabile - di previsione dei cambiamenti climatici in atto a livello locale, di valutazione ambientale ed economica degli impatti specifici sul territorio e di individuazione dei principali interventi da realizzare per contenerne gli effetti negli ambiti in cui il governo locale sia in grado di intervenire - pianificazione urbanistica ed edilizia, gestione delle risorse idriche, gestione del rischio idro-geologico, tutela della salute, gestione del rischio industriale, ecc. -;

- coinvolgere - aumentandone la consapevolezza - gli attori locali - sistema produttivo, cittadini, sistema sanitario, protezione civile, ecc. - nella stesura di piani di adattamento ai cambiamenti climatici;

- individuare le azioni di adattamento a partire da una analisi costi-benefici delle possibili opzioni di intervento - e di non intervento - che l'autorità locale e gli attori del territorio possono implementare.

- realizzare il piano di adattamento locale di alcune città caratterizzate da situazioni territoriali, socio-economiche e climatiche diverse dell'area del mediterraneo;

- migliorare le capacità delle autorità locali di programmare e realizzare le politiche e gli interventi di adattamento ai cambiamenti climatici che si siano già manifestati o che siano attesi a livello locale;

- realizzare delle linee guida per stimolare altre città europee ad adottare lo stesso percorso ed elaborare il proprio piano di adattamento.

Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale - ISPRA -, Forum delle città dello Jonio e dell'Adriatico, Comune di Patrasso - Grecia -, Comune di Bullas - Spagna -
Area urbana
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Comuni - più di uno -
Territorio e Paesaggio, Strategie partecipate e integrate
01/04/10
30
€ 1.752.258
UE - DG Ambiente
LIFE
Cofinanziamento LIFE + 876.129 euro
Marco Cardinaletti
http://www.actlife.eu/
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.