Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Associazione / Associazione Culturale Amici di Castiglione / Monumenti nella sabbia - Le grotte rifugio a Forlì

Monumenti nella sabbia - Le grotte rifugio a Forlì

Il progetto si inserisce nel più ampio piano regionale del Parco Storico della Linea Gotica, che ha come obiettivo costruire una rete territoriale di spazi della memoria a livello regionale ed interregionale, estesa anche a Toscana e Marche. Si tratta di sistemare i luoghi esistenti, collegarli in rete e quindi promuoverli turisticamente mediante azioni mirate specifiche.  Il contesto di riferimento consiste in un'area boschiva, situata a pochi chilometri dal centro di Forlì, nelle colline a sud-ovest della via Emilia, con valore naturale e ambientale riconosciuto dagli strumenti di piano provinciale. Lungo un ripido crinale si trovano 24 cavità ipogee: l'area è caratterizzata da affioramenti geologici di cordoni sabbiosi fossili chiamati "Sabbie Gialle" e risalenti ad un milione di anni fa, quando tutta la zona si trovava più in basso, in prossimità di un ambiente litorale ricco di  sedimentazioni di tipo fluviale e marino. Si tratta di cunicoli scavati dagli abitanti della zona a partire dall'estate del 1944 ed utilizzati come rifugi da residenti e sfollati durante la seconda guerra mondiale.  Abbandonati dopo la guerra e dimenticati per anni, drammatica testimonianza storico-culturale degli avvenimenti di quel periodo, rischiano di scomparire perché su tutta l'area grava una concessione di scavo per ricavarne sabbia. Il territorio intorno ai rifugi, essendo in posizione impervia e con forte pendenza, inutilizzabile per la coltivazione agricola, è stato colonizzato da numerose specie di flora e fauna, protette dalla legislazione nazionale e regionale, creando così una prestigiosa oasi ecologica che rischia anch'essa di essere distrutta.    L'Associazione Culturale Amici di Castiglione si è costituita il 3 febbraio 2006 su iniziativa di alcuni cittadini particolarmente sensibili alla salvaguardia dei valori identitari, naturali e storico-culturali della città di Forlì e delle zone limitrofe. Fin dalla sua costituzione promuove in modo continuativo conferenze ed incontri presso la cittadinanza - anche attraverso numerose collaborazioni con Enti pubblici, privati ed operatori economici e sociali locali - allo scopo di fare conoscere la testimonianza  materiale delle grotte-rifugio.  È stato instaurato fin dall'inizio un proficuo rapporto di collaborazione con il Comune di Forlì, che ha deciso di proporre alla Regione Emilia-Romagna il riconoscimento della zona delle grotte-rifugio di Castiglione quale geosito di importanza regionale, di avanzare la richiesta di finanziamento per l'acquisizione dell'area - attualmente di proprietà privata -, il ripristino delle cavità ipogee e la predisposizione di un opportuno sistema di percorsi attrezzati che le colleghino al Parco Urbano di Forlì. Nel maggio 2006 l'Associazione ha avviato una collaborazione con l'Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna - IBC - che, dopo essere stato informato del progetto ed avere visitato l'area, ha pubblicato ampi e dettagliati articoli su questo tema.È stata inoltre chiesta l'adesione al progetto all'Istituto per la Storia della Resistenza e dell'Età Contemporanea della Provincia di Forlì-Cesena, che ha offerto una preziosa collaborazione nella realizzazione di incontri pubblici organizzati presso le Circoscrizioni locali.   Obiettivo dell'Associazione è ripristinare e valorizzare le grotte-rifugio, realizzando un "sentiero della memoria" che attraverso percorsi ciclopedonali attrezzati, dal Parco Urbano Franco Agosto e lungo il Parco Fluviale del Montone, consentano ai cittadini di fruire delle risorse storico-culturali e naturali-ambientali locali. Un ulteriore obiettivo è quello di realizzare in loco un centro culturale polifunzionale che si ponga come fulcro di attività culturali, didattiche e di promozione turistica del territorio.    Sono state promosse iniziative di sensibilizzazione rivolte a tutti quei soggetti, dai giovani fino agli anziani, destinatari di attività di informazione ed educazione storico-ambientale. Le iniziative sono state promosse al fine di coinvolgere in maniera attiva la cittadinanza, gli Enti e gli operatori economici  In generale tematiche affrontate dal progetto - costruire una rete territoriale degli spazi della memoria della Seconda Guerra Mondiale - non solo si riflettono direttamente sulla valorizzazione del territorio locale ma presentano anche una grande valenza storica a livello nazionale ed internazionale.

Progetto vincitore della selezione regionale per la Categoria C - Esperienze di sensibilizzazione e Formazione - nell'ambito della III Edizione del Premio Mediterraneo del Paesaggio - 2011 -. Terzo premio con il progetto Linea Gotica Mobile conseguito al Concorso Inventare il Futuro - 2011 -.
Area rurale
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Comune
Mobilità, Edilizia e Urbanistica, Territorio e Paesaggio, Strategie partecipate e integrate
01/11/05
46
€ 35.000
Comune di Forlì, GAL L' Altra Romagna, TRANSCOOP Trasporti Società Cooperativa di Forlì, Orazio Fabbri Comunicazione di Forlì, Associazione Culturale Amici di Castiglione.
Camillo Fucci
991_301.pdf — 1453 KB
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.